ATLANTE NAZIONALE DEL TERRITORIO RURALE: Nuove geografie per le politiche di sviluppo rurale


PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO RURALE
L'AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI
RETE RURALE NAZIONALE 2007 - 2013 Ministero per le poliltiche
agricole alimentari e forestali

n_copertinaatl_rur

scarica l'Atlante .pdf (20MB)







La nuova agricoltura ha bisogno del proprio territorio per essere valorizzata, perché il "prodotto locale" garantito e tracciato è il prodotto che si associa al patrimonio culturale di cui questo Paese è ricco come nessun altro al Mondo. Ricco e diverso.

Cultura agricola, e del cibo, patrimonio civile, ospitalità nuova e antica tradizione e innovazione di un territorio che può offrirsi a nuovi modelli insediativi e a nuovi turismi. Un territorio rurale che produce opportunità, sicurezza ambientale e identità.

Con la formazione dell' Atlante Nazionale del Territorio Rurale, il Ministero delle Politiche Agricole ha promosso la formazione di un nuovo strumento di supporto alle politiche di sviluppo rurale..Uno strumento specificamente orientato ad indagare e interpretare le diverse geografie dello sviluppo rurale, proponendo l'impiego di agevoli strumenti di simulazione e valutazione per costruire indicatori significativi dell'impatto sul territorio di decisioni e provvedimenti delle politiche agricole.

In uno scenario economico e territoriale che si è venuto largamente a modificare nel corso degli ultimi anni, una riproposizione aggiornata dei temi dell'Atlante non può che assumere nuove ottiche e nuovi punti di vista, portando innanzitutto la propria attenzione sul tema emergente dei nuovi ruoli e dei nuovi servizi che il territorio rurale è in grado di offrire alla società contemporanea.

Il documento "Nuove geografie per le politiche di sviluppo rurale" propone al riguardo una aggiornata panoramica di rappresentazioni sullo stato di salute del territorio rurale che pone particolare attenzione ai temi delle reti locali, proponendo nuove linee di ricerca sullo sviluppo locale, integrato e sostenibile.




S O M M A R I O

1 - Il cambiamento del nuovo secolo
tav.1 - variazioni percentuali di accessibilità 2001 - 2008
tav.2 - variazioni percentuali di accessibilità 1991 - 2001
tav.3 - Stranieri accessibili per 1.000 residenti accessibili al 2007

2 - Gli squilibri e le disuguaglianze territoriali nell'offerta di servizi
tav.4 - Accessibilità all'offerta di servizi
tav.5 - Accessibilità della popolazione residente al 2008
tav.6 - Condizioni di equilibrio e potenziale e potenziali dei sistemi locali

3 - La nuova frontiera dei dei servizi rurali
tav.7 - Accessibilità agli esercizi agrituristici
tav.8 - Accessibilità ai mercati del contadino

4 - I territori della green economy
tav.9 - Accessibilità ai parchi nazionali e regionali
tav.10 - Accessibilità alle fonti energetiche rinnovabili di interesse locale

5 - I territori della green economy
tav.11 - Consistenza e dinamica delle economie agricole nei Sistemi Locali del lavoro
tav.12 - caratteri dei Sistemi Locali del lavoro in realzione alle condizioni di centralità, alla loro variazione, al grado di omogeneitàinterna

6 - Il consumo di suolo
tav.13 - Variazioni della SAU 1990 - 2000

7 - Lo svantaggio rivisitato: la valorizzazione del capitale sociale dalle aree di crescita alle aree dell'abbandono
tav.14 - Continuità e discontinuità delle dinamiche di crescita di lungo e di breve periodo dei Sistemi Locali del lavoro
tav.15 - Patrimonio storico-urbanistico
tav.16 - Aree dello svantaggio estremo (individuazione delle priorità)

Appendice statistica
Nota metodologica
Definizioni e fonti



ricerca nella sezione:
RAPPORTO MONTAGNE ITALIA - SECONDA EDIZIONE 2016
RAPPORTO MONTAGNE ITALIA - PRIMA EDIZIONE 2015
I LUOGHI DEL CUORE - FAI Fondo Ambiente Italiano
ATLANTE NAZIONALE DEL TERRITORIO RURALE: Nuove geografie per le politiche di sviluppo rurale
ARTICOLI PER LA RIVISTA TOSCANA PARCHI
PARADISE l'OST?
CONCENTRAZIONE E RAREFAZIONE INSEDIATIVA, TRA REGOLAZIONE URBANISTICA E MANUTENZIONE AMBIENTALE IN EMILIA ROMAGNA E NELLE REGIONI PADANE: FARE MEGLIO CON MENO (SUOLO)
QUESTIONE ABITATIVA E POLITICHE PER LA CASA
RIPARTIRE DALLA SOSTENIBILITA'
PER DECIDERE COME DECIDERE